Cos’è la Wilderness?

nota a cura dei Maschi Selvatici www.maschiselvatici.it

Nel termine “Wilderness” è compresa una complessità concettuale non facilmente traducibile in un termine italiano equivalente; ciò che più si avvicina potrebbe essere “terra selvaggia” “terra vergine” che, tuttavia, rendono solo un’immagine del luogo ma non la relazione che si stabilisce fra la natura selvaggia e l’uomo. Pertanto è rimasto questo termine nella lingua italiana, non solo in omaggio alla sua origine statunitense dove è stato concepito e si è sviluppato il movimento ad esso relativo, per designare: l’esperienza fatta in solitudine e in  rispettoso silenzio di luoghi selvaggi, o per lo meno dove i segni di antropizzazione sono minimi, con l’emozione di stupore di fronte alla scoperta e alla risonanza interiore con il luogo selvaggio.

Esperienza  che, nelle parole di Sigurd Olson, un pioniere della wilderness (1899-1992), potrebbe essere espressa in singing wilderness, la wilderness cantante un concetto che non è facile spiegare  a parole ma che “si può solo sentire in alcune situazioni, quando si ascolta il rumore del vento o il canto degli uccelli al mattino o lo scrosciare dei torrenti di montagna ingrossati dallo sciogliersi della neve delle vette, o ancora il grido dell’aquila imperiale…”.

Un’altra definizione di wilderness che sintetizza la relazione dell’uomo con il luogo compare nel motto didascalico del logo dell’A.I.W, Associazione Italiana Wilderness www.wilderness.it : “La wilderness è sia un luogo geografico che uno stato d’animo”. Il motto è tratto, a sua volta, da una pubblicazione del Corpo Forestale USA, dedicata  al problema della protezione della natura selvaggia, dal titolo “Search of Solitude”, la ricerca della solitudine che recita integralmente: “La natura selvaggia è sia una condizione geografica che uno stato d’animo. Fa parte dell’eterna ricerca della verità che spinge l’uomo alla continua ricerca di se stesso e del suo creatore”.

In termini più impliciti si esprime ancora Sigurd Olson: “La wilderness è molto più di laghi, fiumi e boschi lungo le rive, molto più del pescare e del campeggiare. Essa è il senso del primitivo, dello spazio, della solitudine, del silenzio e dell’eterno mistero”.

Le espressioni fino a qui riportate sono sufficienti, a nostro avviso, a richiamare la dimensione spirituale evocata dall’incontro con la natura selvaggia e a caratterizzare la Via interiore alla Natura.

  • La complessità dello stato d’animo dell’incontro con la natura selvaggia apre ad un altro stato d’animo, quello del rispetto della natura che ha un valore in sé e questo sentimento porta conseguentemente alla:
  • Necessità e all’impegno di preservare e tutelare i luoghi della natura selvaggia

Pertanto alla base del concetto di Wilderness e della filosofia che esprime vi stanno: uno stato d’animo complesso fatto di risonanze spirituali, un sentimento di rispetto per il valore della natura selvaggia e l’assunzione di un impegno per la tutela della sua  preservazione.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: